20121016-063938.jpg

Babette mi ricorda che devo scrivere un articolo e so che è un po che non scrivo.

Ottobre è il mese delle foglie che cadono e delle pioggie. Non si perdono sai?
Cadono al suolo per incontrare altre foglie. Non tornano più sull’albero prendono altre vie e fanno crescere altre piante.
Altre volte finiscono sulle/nelle auto. Bobo dice che se parcheggi sotto un albero…Babette risponde non è possibile…

È cosi che continua a crescere la foresta della società.

Bobo mi chiede cosa sia la società, Babette sorride e risponde siamo noi testone. Lui ritorna a sonnecchiare col muso spalmato sulle zampe anteriori. Lei fiera della risposta esatta viene verso di me scodinzolante.

Alcuni alberi son destinati a star vicino altri non si conosceranno mai, altri si sono incontrati ma non conosciuti.

Bobo sottolinea che bisogna saper attendere, è la strategia del cane pastore. Durante il giorno lavora sodo ma quando è tutto sotto controllo si fa anche lui il suo riposino. Babette incalza e dice che vuol correre via perchè lei ricorda un sogno che la fa piangere.

La terra accoglie tutti e tiene al riparo i nostri piedi.

In qualche modo li collega, sono proprio quelle radici sotto che si tengono a vicenda anche se da fuori non si vede nulla. Mi piace pensarlo come un tenersi la mano a distanza consapevoli che le rette parallele non si incontrano mai ma restano parallele per tutta la vita.

La sensazione di soddisfazione la hai a distanza di anni quando vedrai quella foresta di querce intrecciare le chiome. Saranno ora piegate dal vento, ora esili perchè non hanno accesso al sole, ora forti e piene di vita.
Ognuna sarà come può essere, pronta a giocare il suo ruolo all’interno di quel sistema di rami.

Che ruolo gioca babette? Chiede bobo. Babette risponde la 100 metrista. Bobo torna a dormire.

La quercia dai piedini di burro ha imparato a cadere e rialzarsi scoprendo che puo farlo senza andare in pezzi, ma tu che leggi che quercia sei?

Bobo: si dice cosi, ma poi mi tocca consolarlo. Babette non permette neanche a Bobo di avvicinarsi. Dal divano mostra i denti.

Sei di montagna e ti sei spostata al mare?
Hai letto e compreso la tua ferita?
Sai accettare che i quadri non sono mai perfetti ?
Hai mai visto un quadro e notato che alcune parti restano solo accennate?

Bobo : non importa basta che le piante stiano bene. Babette concorda per una volta.

Suerte
Babette e Bobo
Damiano